Dr.Martens Quilted o Pitonati? Gli anfibi in versione trapuntata o animalier

dr.martens_quilted

Ricordano l’iconica 2.55 di Chanel, sono trapuntati e total black. I nuovi anfibi Dr.Martens Quilted celebrano il nero, così anche la suola – generalmente in gomma color ambra – si tinge, uniformandosi agli stivali. Stessa scelta per la versione in finto pitone, una stampa che in questo caso si fa brillante, rendendo queste scarpe ideali con i jeans, ma anche con un mini abito, per sdrammatizzarlo.

In questo modo Dr.Martens, il brand di anfibi più famoso al mondo, conferma la sua volontà di tornare senza prepotenza, ma con la complicità di nuovi stili, materiali e combinazioni, nelle scarpeiere di uomini e donne, indistintamente. Leggi il resto di questo articolo »

Instagram si aggiorna: 5 nuovi filtri, nuova grafica e più “k” per tutti gli utenti

instagram_aggiornamento

Di cambiamenti ne ha fatti Instagram dalla sua nascita. Fra gli ultimi i più significativi sono stati l’introduzione dei video e degli strumenti per la modifica delle foto.  Oggi Instagram si aggiorna e cambia faccia, anzi, interfaccia. 1. Una grafica nuova, più moderna e pulita, ma solo nella tab dedicata ai filtri (non mi è mai successo di vedere un’app aggiornarsi solo in parte) e anche l’icona resta uguale, non sposando le nuove grafiche flat. 2. Si aggiungono nuovi strumenti creativi: 5 nuovi filtri per le foto (Slumber, Crema, Ludwig, Aden e Perpetua), 3. Adesso possiamo organizzare i filtri preferiti trascinandoli per ordinarli in base alle nostre preferenze, mettendo fra i primi quelli che utilizziamo di più. Leggi il resto di questo articolo »

LAURAFED, le borse a metà strada fra design e moda, con quel tocco unico

LAURAFED_bags

LAURAFED è un marchio di borse nuovo ma dall’identità già definita, uno di quei brand che tieni d’occhio con la consapevolezza di vederlo presto sugli scaffali delle boutique più esclusive o fra le mani delle donne con maggiore gusto.

È un marchio a metà strada tra interior design e fashion, un’idea della designer Laura Federici (quindi con un animo tutto Made in Italy) che, unendo materiali poveri e ricchi (legno, velluto, ecopelle, metallo), tessuti dalle stampe ricercate e quel tocco impeccabilmente unico, che solo l’artigianato può donare, ha creato una linea di borse ad alto tasso fashion. Leggi il resto di questo articolo »

Fake Fur: la pelliccia “buona” e low cost di Asos, Stradivarius, Motivi e Bershka

Unreal Fur_fake_fur_pelliccia_finta

La pelliccia un tempo era uno status symbol, oggi è il retaggio di una cultura in parte superata, ma anche sinonimo di lusso. Contemporaneamente all’evoluzione della società, della moda e delle tendenze, si è evoluta la sensibilità di chi acquista, che oggi si domanda se è possibile ottenere lo stesso “effetto” evitando di sacrificare delle vite e la risposta è affermativa ed ormai nota.

Brand del fast fashion ma anche griffe del lusso adottano ormai pellicce sintetiche, perché la fake fur piace a tutti e mette d’accordo sia chi non si pone scrupoli etici, sia chi preferisce indossare capi “buoni”. Il gilet di Stradiavarius è stampato e realizzato in acrilico e poliestere (29,95 €)… Leggi il resto di questo articolo »

Storie: praticare la pole dance per acquisire sicurezza, amare il proprio corpo e stupirsi delle proprie capacità

pole_dance_pole_dancer_italia_roma_intervista

Chi la pratica come attività fisica, chi per giocare con la propria sensualità. Chi la prende come terapia della femminilità e chi vuole sperimentare qualcosa di diverso. La Pole Dance è sempre più diffusa, ma cancellate dalla mente ogni pregiudizio su questa disciplina, che per qualcuno rimanda ai night club, qui si fa sul serio. Per entrare in questo affascinante mondo, ho fatto quattro chiacchiere con Lorenza Perrone, romana nata da una famiglia di artistoidi, entrata casualmente in contatto con la Pole Dance e diventata un’insegnante.

Iniziamo con una dovuta premessa, cos’è la pole dance?
«La Pole Dance è una disciplina artistica che unisce elementi di danza, ginnastica artistica e acrobatica aerea».


Pole dance e lap dance, in comune hanno un palo e la sensualità, ma cosa distingue queste due attività e rende la pole dance una disciplina?

«La Pole Dance è erroneamente associata alla Lap Dance a partire del significato stesso dei termini: non è un caso che esistano due termini diversi per identificarle. “Lap” in inglese significa infatti “grembo”. La Lap Dance è un tipo di esibizione in cui la performer scende dal palco e balla sul grembo dei clienti, tutto ciò avviene nei Night Club, ma non prevede l’utilizzo del palo. Un’ altro tipo di performance che avviene negli stessi locali è l’Exotic Pole Dance, un tipo di danza in cui la sensualità assume connotati più espliciti. Grazie alle sperimentazioni delle stripper più creative , unitamente a influenze circensi, ginniche e acrobatiche, suggestioni derivate da discipline tradizionali indiane (il Mallakhamb), la Pole Dance trova una sua identità come disciplina autonoma, che non smette di arricchirsi e alimentarsi di ogni stimolo proveniente da tutti coloro che la praticano». Leggi il resto di questo articolo »

Leggi il nuovo numero