Articoli marcati con tag ‘Louis Vuitton’

Chanel, Louis Vuitton e Celine: prezzi delle borse aumentati fino 750€ in più nel 2015

celine_neverfull_louis_vuitton_prezzi_aumentati

Che le It Bag siano spesso inarrivabili, un obiettivo da raggiungere, un sogno da inserire in wishlist (per poi in molti casi rimanerci) è noto, fa parte del loro fascino, è il motivo per cui molte le desiderano, per ciò che rappresentano. Capita però che mentre le clienti mettono da parte i loro risparmi, intanto il prezzo sul cartellino lievita e sebbene sia fisiologico, viene spontaneo chiedersi se sia anche necessario.

Qualche esempio? Chanel ha applicato l’aumento maggiore, il 20% su borse come Chanel Boy Flower Power piccola (da 3,750€ a 4,500€ = 750€ di aumento), la Chanel Chevron Flap Bag media (da 3,550€ a 4,260€ = 710€ in più) e la Chanel Chevron Boy media (da 3,450€ a 4,150€ = 700€ di aumento). Leggi il resto di questo articolo »

Bucket Bag, torna di moda la borsa a secchiello con Louis Vuitton, H&M, Furla

bucket_bag_secchiello_tendenza

Era il 1935 quando la prima borsa a secchiello ha fatto la sua comparsa, grazie all’estro di Elsa Schiapparelli, era cilindrico e da lì ad un paio di anni anche Gucci ne comprese il fascino, proponendolo alle sue clienti, poco prima che Hermès lo trasformo nella it bag dell’estate.

La Bucket Bag ha nell’immaginario femminile una collocazione prettamente primaverile o meglio ancora estiva ma, a cavallo fra il 2014 ed il 2015, sono molti i brand che l’hanno proposta anche nelle collezioni autunno-inverno. Oggi la borsa a secchiello è il nuovo must, non importa che sia low cost, artigianale, in eco-pelle o lussuosa, se siete in cerca di qualcosa di nuovo (anche se poi tanto nuovo non è), assicuratevi di avere una bucket bag nel guardaroba. Leggi il resto di questo articolo »

Vogue Paris, Panoplies: le modelle come bambole Chanel, Louis Vuitton, Valentino…

Vogue-Paris-Giampaolo-Sgura-03

Se fino ad oggi si è pensato a Barbie come un modello di bellezza formato giocattolo e alle modelle come un modello reale, sebbene ugualmente irraggiungibile, Vogue Paris ha deciso di mostrarci una combo letale nell’editoriale Panoplies: modelle nei panni di bambole, inscatolate, vestite ed accessoriate proprio come Barbie, anzi meglio, perché gli abiti sono: Dior, Chanel, Fendi, Saint Laurent, Louis Vuitton, Valentino…

Le foto sono del fotografo Giampaolo Sgura, lo styling di Claire Dhelens e Celia Azoulay, i set sono realizzati Vincent Olivieri e Office Neochrome e le modelle protagoniste sono Magdalena Frackowiak e Elisabeth Erm; non poteva ovviamente mancare la Barbie Moschino che per ovvi motivi stupisce meno delle “colleghe” che per la prima volta vestono abiti Ralph Lauren, Dolce & Gabbana e Gucci. Leggi il resto di questo articolo »

La Chanel Bagel Bag che ha trollato tutti e le altre deliziose borse di Chloe Wise

fake_chanel_bagel_bag_chloe_wise

L’ora di pranzo è da poco finita e qui già si parla di bagel, ma non di quelli da mangiare, bensì della Chanel Bagel Bag che ha fatto in pochi istanti il giro dei social network, incuriosendo tutti, persino Karl Lagerfeld, che non ricorda proprio di averla disegnata.

Infatti è così, la borsa che ha trollato il web intero non è in realtà una creazione della maison francese, bensì una delle opere dell’artista canadese Chloe Wise, che l’ha realizzata sulla scia di un progetto personale che vede sculture di croissaint e pane in varie forme trasformarsi in accessori di moda firmati Louis Vuitton e Prada. Leggi il resto di questo articolo »

Essential V, il mono orecchino di Louis Vuitton diventerà un must?

essential_v_louis_vuitton_earring

Se Dior ha spopolato con il suo orecchino in stile tribale Mise en Dior (e chissà se ha venduto più la versione originale o le migliaia di replice fake nate dopo la prima apparizione), Louis Vuitton rilancia con Essential V, il mono orecchino pendente, creato da Nicolas Ghesquière per celebrare la Maison francese, con i suoi codici estetici tratti da un nutrito archivio storico e gli elementi distintivi dell’art deco.

E’ già apparso sulla passerella della prima sfilata firmata dallo stilista, quella della collezione Louis Vuitton autunno/Inverno 2014, ora ha tutta l’intenzione di insinuarsi nelle menti e fra i desideri delle fashion victim. Curiose di sapere com’è realizzato? Rigorosamente a mano, sottoponendolo ad un processo di zincatura e lucidatura. Leggi il resto di questo articolo »

Leggi il nuovo numero