Archivio Autore

Alexander Wang x H&M: ecco come acquistare la collezione, avete 10 minuti

alexander_wang_HM

A primo impatto non mi aveva dato una bella impressione questa collezione Alexander Wang x H&M, poi guardando il look book completo, mi sono ricreduta (anche se la reputo più adatta all’estate) ed ho persino adocchiato qualche capo che non mi dispiacerebbe aver nel guardaroba, così per la prima volta mi sono informata sulle regole di acquisto ed ho scoperto un mondo.

La cosa più sconvolgente è che hai solo 10 minuti di tempo per fare i tuoi acquisti, quindi scordati di provare ciò che stai comprando, a rischio di ritrovarti con una felpa che puoi indossare solo come pigiama o dei pantaloni che ti stanno lenti dal sedere (se non riesci a fare il reso entro 48 ore). Scordati anche di poter fare un regalo ad un’amica comprando per lei quel top che aveva adocchiato sul sito e che piace anche a te, perché puoi comprare ogni capo in una sola taglia e questo vale anche per gli accessori (quindi o sei altruista o niente regalo). Leggi il resto di questo articolo »

Lisbona è la citta dei colori degli azulejos, del suono del fado e dei pastéis de nata

lisbona_azulejos_blogger

Se guardo fuori dalla finestra in questo momento vedo una distesa di tetti rossi, un palazzo rosa, uno giallo accanto ad uno azzurro, un mare che in realtà è un fiume ed una fila di lucine gialle che a quest’ora della notte non capisco se sono quelle che attraversano il Ponte 25 de Abril o la costa dall’altra parte del Tejo.

Sono a Lisbona da 6  giorni, 147 ore, 8.859 minuti e 531  secondi e mi sembra già di conoscerla come quelle città in cui smetti di sentirti in vacanza ed inizi a tornare quando vuoi staccare la spina. Di questa città ho sentito parlare tanto, l’ho googlata ogni volta prima di scegliere una nuova meta da visitare e l’ho sempre rimandata, tenuta da parte, posticipata; poi la vita mi ci ha portata ed eccola che si presenta, senza troppe effusioni. Lisbona è timida, è noncurante, se ne frega se non t’innamori a prima vista, sa che l’apprezzerai nel tempo e così è stato.

Lisbona ha i colori assortiti degli azulejos e dei tram gialli, dei murales sui palazzi abbandonati e dei festoni nel quartiere Alfama. Ha il profumo dei popcorn nella metropolitana e dei pastéis de nata per le strade, ha la forma orizzontale dei miradouros e quella verticale dei grattacieli che non ti aspetti, ha il suono del fado nei locali a tarda notte e delle voci dei venditori di occhiali ambulanti che in realtà provano a venderti fumo. Leggi il resto di questo articolo »

STORIE: Mamme multitasking e foto dei figli sui social, ecco cosa ne pensa la mamma blogger più famosa d’Italia

chiara_cecilia_santamaria_mamme_web

Bionda, pelle chiara, occhi azzurri ed una linea di eyeliner sottile che li mette in risalto, Chiara Cecilia Santamaria è una giornalista, una blogger, una scrittrice, una digital strategist, una mamma 2.0 ma prima di tutto una donna. E’ anche l’autrice di “Quello che le mamme non dicono” edito da Rizzoli nel 2012 ed oggi giunto alla nona ristampa, un libro, un manuale ironico ma anche una guida per neo mamme, donne in attesa e donne qualunque che non aspettano nulla ma sono curiose di sapere cosa succede nella vita quando d’un tratto si diventa in tre. Con lei ho deciso di parlare di mamme e di mamme blogger, di donne che decidono di aggiungere senza sottrarre, di avere dei figli, dedicarsi alla famiglia, ma anche a se stesse e alla carriera ed a lei ho chiesto come riuscirci. Abbiamo affrontato anche una questione spinosa: foto dei figli sui social network, sì o no?

“Dal Pampero ai Pampers” è il claim del tuo celebre libro “Quello che le mamme non dicono” (Rizzoli, 2012) che ha sdoganato i tabù sulle paure e lo shock iniziale del diventare mamma e che ti ha resa oggi l’esponente più celebre del mondo mamme sulla rete. Una blogger che scrive di vita, lifestyle, viaggi ed eventi, la domanda sorge spontanea: ma come fai a far tutto?
«Una risposta è anche quella molto spontanea: non faccio tutto! Tante volte la casa è in disordine, le email alle quali rispondere si accumulano, devo mettere la sveglia per ricordarmi qualsiasi cosa e i libri da leggere rimangono intonsi sul comodino perché crollo molto prima… Ma ne vale la pena. Essere ‘giocoliera’ e ‘acrobata’ è l’unico modo nel quale sono capace di affrontare le mie giornate, a volte spontaneamente rallento, o mi fermo, altre mi rendo conto di tenere in equilibrio troppo e inevitabilmente qualcosa cade giù, ma va bene. Leggi il resto di questo articolo »

TTTattoo, i tatuaggi temporanei per completare il look, ecco dove comprarli

temporary_tattoo_tatuaggi_temporanei_tttattoo

Ci sarà un giorno in cui tutti avranno almeno un tatuaggio, dicono, si chiama ricambio generazinale, si chiamano tempi moderni e si chiamano mode che di solito passano, ma quando sono fatte d’inchiostro restano. Sono 20.000.000 le persone tatuate nel mondo; chussà se la tendenza del tatuarsi cose, nomi, volti, simboli crescerà nel tempo o si arresterà, fatto sta che attualmente usare il corpo come una tela per esprimersi o migliorare il proprio stile è parecchio diffusa ed è per questo motivo che è nata la nuova generazione di temporary tattoo.

Dico nuova generazione perché se penso a quelli di sempre mi vengono in mente gli animaletti impressi sulla carta delle gomme, che chissà cosa contenevano quando ce li stampavamo sulle mani e sulle braccia, penso ai tatuaggi kitsch che scovavamo nelle edicole e che mamma e papà ci cancellavano perché eravamo pieni di pasticci. Ci provassero oggi a cancellare i tatuaggi che abbiamo. I temporari tattoo dei tempi moderni sono grafiche di illustratori talentuosi, sono perfette copie ed emulazini di tatuaggi reali e per questo piacciono a tutti, perché concedono il lusso di sperimentare in maniera non definitiva, di giocare con il proprio corpo per poi tornare seri e, perché no, di testare un tatuaggio prima di passare a quello vero.

In queste settimane ho provato quelli Tttattoo, brand di tatuaggi temporanei con base nella soleggiata Barcellona, il cui team composto da persone accomunate dalla passione per l’arte e il disegno grafico, realizza splendidi tatuaggi temporanei da utilizzare come accessori. Leggi il resto di questo articolo »

5 app per modificare, montare e creare favolosi video con l’iPhone: scopri Meipai

app_creare_video_iphone

Da quando Instagram ha introdotto i video, tra la migrazione di utenti Vine e la felicità degli appassionati di short movie, il mercato delle app dedicate al video editing è cresciuto. Spesso sul mio profilo Instagram @sonia_grispo pubblico brevi video editati e montati con alcune di queste app che scopro nel tempo e che utilizzo per raccontare attraverso immagini non statiche alcuni momenti delle mie giornate, dei miei viaggi, delle mie vacanze e dato che mi chiedete quali utilizzo, qui ho deciso di parlarvi delle 5 migliori app per creare video con l’iPhone.

Meipai: Questa è il pezzo forte di questa selezione di app. Si tratta di un’applicazione prodotta dall’azienda asiatica Meitu, Inc. che vi permette di caricare qualsiasi video ed utilizzare dei set preimpostati per animarli, aggiungendo a vostra scelta una base musicale fra quelle offerte. Praticamente, per dirla in maniera semplice, se non avete grandi capacità di video editing o non avete alcuna voglia di perder troppo tempo dietro ad un video per modificarlo, basta utilizzare questa app per ottenere grandi risultati con il minimo sforzo. Leggi il resto di questo articolo »

Leggi il nuovo numero