Focus Lifestyle

Lavorare da casa: essere produttivi e organizzare la postazione ufficio

lavorare da casa smart working

Lavorare da casa non riguarda più solo alcune professioni, il working from home è oggi affare di tutti.

Per molto tempo il lavoro svolto da casa è stato associato a concetti come “lavorare in pigiama”, “avere più tempo per se stessi”, ma sempre più persone nel mondo si sono inaspettatamente trovate a sperimentarlo, scoprendo che non è tutto rose e fiori. Lavorare casa senza esperienza può significare ritrovarsi con il laptop sulle gambe seduti sul divano, alzarsi dopo quattro ore e sentire le gambe di frolla. Usare il tavolo della cucina e accusare dolori alla schiena a fine giornata, per non parlare della scarsa concentrazione sulle prestazioni lavorative; trovarsi in un ambiente casalingo e non professionale non aiuta a focalizzarsi e rendere al 100%, ma c’è una soluzione: seguire una serie di regole fondamentali, applicabili a liberi professionisti, freelance e dipendenti in modalità lavoro agile. [disclaimer: questo articolo non include eventuali figli a casa, pertanto alcuni consigli potrebbero dover essere adattati in una routine che li include].

Regole fondamentali per essere produttivi lavorando da casa

  • Trova una routine: anche se non devi andare in ufficio e passare dal bar per il caffè, ti serve stabilire una routine, una serie di azioni da compiere al mattino e delle pause brevi durante la giornata.
  • Dormi di più: sfrutta il tempo non impiegato sui mezzi, soprattutto se sei pendolare, dormendo di più o sostituendo quel tempo con dei momenti dedicati al benessere personale. C’è chi pratica 15 minuti di yoga, chi sta sperimentando la mindfulness, chi legge un libro. Non sprecare il tuo tempo rimbalzando dal letto al divano o chiudendoti in bagno con il telefono.
  • Non lavorare seduta sul divano o sul letto.
  • Rimuovi le distrazioni o almeno “nascondile”, se hai una console da gioco riponila in un cassetto, non accendere la tv, evita di usare il cellulare molto più di quanto faresti in ufficio.
  • Crea e organizzare la tua postazione lavoro: che tu viva in un monolocale o in un tre vani o più, assicurati di avere uno spazio fisso o mobile dedicato al lavoro. Con spazio fisso mi riferisco ad una scrivania in una stanza o angolo della casa in cui lavorare ogni giorno, con spazio mobile intendo una serie di strumenti da posizionare all’inizio della giornata lavorativa e rimuovere alla fine (utile se per esempio hai solo il tavolo della cucina e non hai spazio per una scrivania). In fondo a questo articolo trovi una lista di strumenti per una perfetta postazione lavoro a casa.
  • Stai lontano dal frigo: non si tratta di consigli alimentari, si tratta di avvisarti che lavorare a due passi da frigorifero e dispensa può innescare abitudini poco sane. Acquista snack che non siano schifezze, riempi un barattolo di frutta secca, taglia delle carote, assicurati di avere sempre della frutta fresca in frigo, questo ti permetterà di evitare di attingere dagli sportelli al primo momento di buco che in ufficio impiegheresti scambiando quattro chiacchiere con un collega. Non comprare schifezze e merendine così da non averle a portata di mano quando vorrai cedere. E armati di forza di volontà.
  • Non lavorare in pigiama: lavorare da casa significa poter scegliere abiti più casual e soprattutto comodi, ma pigiama e abiti trasandati non ti mettono nella condizione mentale di concentrarti seriamente sul tuo lavoro, se non ti prendi sul serio difficilmente riuscirai a concentrarti ed essere produttivo. Trova dei capi comodi ma con cui creare degli outfit carini, adatti anche ad improvvise video call. Il 16 Aprile però ricordati che da qualche parte nel mondo è il Wear Your Pajamas To Work Day.
  • Minimizza o elimina il makeup: se sei solita truccarti per andare in ufficio ed il lavoro da casa prevede momenti in video call, utilizza i solo i prodotti essenziali (es: correttore, mascara e blush) e usane una quantità minore di quello che faresti, il video non è mai nitido e non hai bisogno di un super makeup, se invece non ti trucchi abitualmente. Se invece non ti trucchi e vuoi approfittare della situazione per prenderti cura della tua pelle, procurati maschere viso dal tempo di posa rapido (da 5 a 15 minuti) e applicale mentre lavori o nelle pause.
  • Meal prep: preparare in anticipo cosa mangiare in pausa pranzo non vale solo se si va in ufficio, stabilire un orario ed un tempo per pranzare e non dover pensare ogni volta a cosa mangiare ti fa risparmiare tempo ed evita stress. Se non vuoi preparare prima il pranzo puoi però scrivere il menù della settimana ed assicurarti di comprare nel weekend tutto ciò che ti serve. L’organizzazione è che la chiave per vivere tutto serenamente.
  • Divisione dei ruoli: se vivi con il tuo tuo partner o coinquilino e anche lui lavora da casa, assicurati di discutere con lui della suddivisione dei lavori e ruoli in casa. In questo modo nessuno dei due si sentirà sopraffatto e sarà più semplice gestire la situazione.
  • Almeno un paio di volte a settimana prevedi dei momento fuori casa, sarebbe ideale fare una passeggiataogni sera, ma se non riesci almeno metti in agenda un aperitivo, una cena la ristorante o semplicemente qualche ora con degli amici per staccare ed uscire.
Circondati di cose che ti ispirino mentre lavori, se svolgi un lavoro creativo l’effetto sarà doppio
  • Mantieni lo spazio ordinato: soprattutto se in casa non hai una stanza ufficio assicurati di andare a dormire la sera lasciando la zona in cui lavori ordinata. Lo stendino in mezzo alla stanza, i piatti della sera prima nel lavandino, roba sparsa sulle sedie, non ti aiutano a concentrarti e a rispettare il tuo lavoro come faresti in ufficio. Trucchetto per chi vive in una casa piccola: se non puoi liberarti di qualcosa che affolla o crea disordine, mettilo in un punto della casa che non vedi mentre lavori.
  • Guardati le spalle: in senso letterale, controlla cosa c’è dietro di te e assicurati che sia in ordine e non caotico se conti di utilizzare Zoom o altre piattaforme per video conferenze.
  • Distingui i momenti di lavoro da quelli personali: telefonate alla mamma, messaggi agli amici… non sovrapporre i momenti o rischi di entrare in un vortice caotico. Se hai una serie di telefonate personali da fare, falle al mattino, prima di metterti al lavoro. Se devi scrivere a qualcuno fallo quando non interrompi il flusso lavorativo, se serve silenzia le chat di gruppo.
  • Attenta ai social: non avere il capo o i colleghi a vista concede delle libertà, ma attenta a non farti risucchiare dalla spirale dei social. Una Instagram Story qui, un’occhiata ad un TikTok lì e 45 minuti sono volati e la tabella di marcia andata a farsi benedire.

Organizza la tua postazione lavoro

Inizia trovando la stanza, l’angolo della casa in cui costruire il tuo spazio. Si trovano ottimi compromessi fra una classica scrivania ed un mobile carino che si integri nello stile della propria casa e che magari, una volta riposti computer e tastiera, con un vaso di fiori sopra, ti fa sentire fuori dall’ufficio nel weekend. Io per esempio ho acquistato questa scrivania, controlla le misure e verifica che siano adatte alle tue necessità. Se usi un laptop per lavorare, troppe ore, ogni giorno, possono causare dolori alla schiena e problemi di postura, lo schermo dovrebbe essere all’altezza dei nostri occhi e non costringerci a curvarci, per questo dopo aver iniziato ad accusa un dolore intenso a spalla e polsi ho deciso di acquistare un supporto per sollevare lo schermo del computer all’altezza giusta, scelta va in coppia con una praticissima tastiera bluetooth (perché il computer diventa così uno schermo) utile per collegare più dispositivi contemporaneamente (anche il cellulare) e il mouse bluetooth (se preferite un mouse verticale questo è ottimo). Mi piace perché è tutto leggero e riponibile in un cassetto quando non serve.

Se invece hai bisogno di uno schermo più grande, questo schermo Dell per me è stato la svolta. È regolabile in altezza (quindi si può adattare a più persone) e inclinabile. Terza opzione: se utilizzi molto il tablet e hai una di quelle custodie che permettono di tenerlo in piedi ma anche star sempre chini per guardarlo, specialmente durante le call su Zoom, questo supporto per tablet è regolabile e inclinabile (controlla che le misure indicate corrispondano alle tue esigenze).

Adesso che tutta la parte tecnica c’è, pensiamo a rendere la tua postazione piacevole e accogliente: posiziona delle piante pianta per dare un tocco verde alla scrivania, queste due sono un’accoppiata bellissima, se invece non vuoi occupare spazio sulla scrivania posiziona delle piante accanto, dove puoi vederle. Per esempio la Sansevieria è una pianta che non toglie ma migliora l’ossigeno nella stanza, ha bisogno di poca acqua e poche attenzioni (acqua ogni due settimane circa) quindi sopravvive anche a chi pensa di non avere il pollice verde, la puoi comprare Su Colvin con il codice sconto del -15% SONIAGRISPO. Scegli una fragranza adatta alla tua zona lavoro, fra le mie preferite ci sono quelle Dr. Vranjes Firenze, in particolare Ginger Lime la cui fragranza è pensata per aiutare a stimolare la concentrazione. Il mio consiglio è di non affollare troppo la scrivania, ma lasciare solo le cose utili e quelle che ti possono aiutare a trovare l’ispirazione, una mood board da appendere sulla parete potrebbe esserti di aiuto, anche per le To-Do-List.

foto di Carla Lallnos

Foto di Vlada Karpovich da Pexels

Vi leggo nei commenti su Instagram.


Potrebbe interessarti