Focus News

Guida completa allo shopping on-line

guida shopping on-line italia

Il primo acquisto on-line l’ho fatto su eBay, sarà stato il 2001. Non sapevo che, quasi 20 anni dopo, su internet avrei comprato tutto, dalle scarpe alle banane. Faccio parte di quei 23,6 milioni di italiani che fanno acquisti on-line (stime di Netcomm-Human Highway), compro qualsiasi cosa on-line, l’esperienza in negozio in alcuni casi resta per me importante, ma nella maggior parte dei casi prediligo lo shopping on-line. Ho quindi sviluppato una metodologia che a volte seguo punto per punto, a volte meno (sono umana, compro per autogratificazione a volte). Appartieni anche tu alla fetta dei compratori on-line? Non ti sei ancora dato agli acquisti in rete? In entrambi i casi questa è la Guida Completa allo shopping on-line che devi leggere.

Azzeccare la taglia giusta

La maggior parte delle persone che non comprano on-line dicono di non riuscire a capire quale taglia scegliere senza provare i capi. Alcuni di quelli che comprano on-line sbagliano ancora la taglia. Quasi tutti gli e-shop prevedono degli strumenti utilissimi per aiutare l’utente:

La Guida alle taglie: Quasi sempre a destra del prodotto (se state facendo acquisti da un computer) o in basso, sotto la foto (se comprate da mobile) si trovano le informazioni essenziali, fra cui la tabella di riferimento delle taglie. Accanto ad ogni taglia vengono indicati i centimetri di vita, fianchi, spalle ecc corrispondenti. Funziona anche per le scarpe, prendi un paio di scarpe che possiedi, modello simile a quelle che vuoi acquistare e usale coe riferimento. Armati di metro e prendi le misure.

La modella: Molti siti indicano l’altezza della modella e la taglia che indossa, un riferimento importante per farci capire più o meno come un vestito, un top o una donna potrebbero vestirci, quanto lungo è un vestito, se la gonna a noi arriverebbe al polpaccio o meno e se in proporzione alla nostra altezza e forma fisica fa per noi.

Calcolatore di taglia: Alcuni negozi on-line, per esempio Zara, offrono un tool in più per individuare la taglia giusta, attraverso un rapido form chiedono di inserire altezza, peso e vestibilità preferita, in qualche caso anche circonferenza e misure varie e così calcolano la misura giusta per noi. Una sorta di “Guida alle taglie” più automatica. Naturalmente se, per esempio, un dato capo lo preferite più ampio, potete decidere di scegliere una data diversa.

Recensioni dei clienti: Ancora pochi, ma si spera sempre più siti, permettono ai clienti di lasciare una recensione dopo l’acquisto, come Amazon per intenderci, in questo modo si possono leggere i feedback e le esperienze di altre persone che hanno acquistato il prodotto online. Uniqlo e Zalando sono fra i siti che offrono questo strumento che, quando presente, si rivela fondamentale per venire a capo di un dubbio su taglia, vestibilità o risultati post lavaggio. C’è chi racconta di aver preso una misura in meno dopo aver provato il capo e fatto il reso o chi conferma l’affidabilità della taglia riportata con un semplice “veste giusto”.

Risparmiare

Segnare in agenda o sul calendario la stagione dei saldi, monitorare gli sconti fuori stagione, iscriversi a piattaforme di campagne sconti come Veepee, Privalia, Yoox e Zalando Privé e sottoscrivi abbonamenti per i siti sui quali compri spesso e che offrono questi vantaggi, per esempio Amazon Prime che include spedizioni gratuite, film, serie tv, musica e accesso eslcusivo a promozioni. Inoltre ogni azienda, e-commerce, e-shop attiva periodicamente promozioni, scovarle a volte è semplicissimo, altre volte serve qualche trucchetto.

Iscriviti alla newsletter: moltissime aziende offrono uno sconto agli iscritti alla newsletter, per esempio Uniqlo offre 10€ di sconto, Zalando il 10%, Erbolario offre invece le spedizioni gratuite ed una pochette in cotone contenente una minitaglia di prodotto. Naturalmente se le comunicazioni che riceverai non ti interesseranno puoi disiscriverti in qualsiasi momento e nessuno ti chiederà lo sconto indietro. La promozione appare di solito tramite un pop-up appena si accede al sito o su una barra in alto, sopra tutto, quindi controlla sempre prima di fare un acquisto, basta scriversi e ricevere la mail in pochi minuti.

Sconti, saldi e promozioni: a proposito di barra in alto, controlla sempre perché alcuni brand avvisano in questo specifico punto della presenza di saldi, promozioni e offerte sulle spedizioni, infatti se a volte le promozioni si auto attivano e alcuni prodotti sono già scontati, altre volte il sito ci chiede di digitare un codice sconto al momento del checkout (esempio: “xmasshipping”) che appare scritto proprio sulla barra. Basta non farci caso per perdere uno sconto o le spedizioni gratuite.

Codici sconto: molti codici sconto non sono presenti all’interno del sito del brand ma solo su piattaforme esterne perché puntano sui nuovi clienti e meno su quelli abituali. Potete però sempre andare su Google e cercare banalmente “codice sconto Zalando” per vedere se qualcuno offre un codice sconto che vi interessa o visitare siti dedicati alla raccolta di codici sconto di migliaia di siti e marchi, per esempio Codicesconto.com, che raccoglie promozioni speciali o a volte riassume semplicemente quelle già presenti sul sito (vi assicuro che a volte sono meno semplici da notare da soli e qualcuno che ce le riassuma aiuta). È possibile anche scaricare l’estensione per Chrome, che permette (visitando il sito da desktop, quindi dal computer fisso o portatile) di installare una piccola icona che avvisa delle promozioni attive. L’avviso appare in viola già su Google e successivamente come notifica una volta dentro il sito, come negli esempi qui sotto.

Estensione Honey: La mia preferita, Honey è un’estensione che si può scaricare qui mi ha fatto risparmiare tante volte, mostrandomi sconti che non ero riuscita ad individuare con nessun altro metodo. L’ho scoperta per caso con una pubblicità apparsa su un sito (e pensare che molto spesso le ignoro), inoltre iscrivendosi permette di accumulare punti che possono essere convertiti in voucher e promozioni. Consiglio di scaricare anche quella di CodiceSconto.com per avere più possibilità, le promo non sono presenti sempre su tutti i siti di sconti.

Se sei uno studente: alcun aziende offrono sconti e promozioni speciali agli studenti, per esempio tanti non sanno che Amazon Prime Student costa 18€ l’anno (50% in meno del classico abbonamento Prime) e include spedizioni gratis e veloci, film e serie tv in streaming con Prime Video, offerte esclusive dedicate agli studenti e musica gratuita con Prime Music, i primi 90 giorni sono gratuiti, puoi iscriverti alla prova gratuita qui.

Farsi un’idea realistica

Sì ok, belle le modelle, lo styling e tutto, ma tolte le pose da fenicottero e gli accostamenti spesso importabili, quello che ci interessa sapere è come veste quel capo.

Foto degli utenti: ovvero quello di cui avevamo bisogno. Alcuni brand chiedono agli utenti di utilizzare un determinato hashtag sotto le foto dei propri outfit postati sui social, così da generare un gallery di persone vere che indossano i capi in situazioni reali. Il risultato? Donne e uomini dalle diverse altezze, corporature e stili che permettono di rivedersi, riconoscersi e ritrovarsi, molto più che in modelli. Un esempio: H&M sotto alcuni prodotti mostra “Il tuo stile”, una gallery di foto di utenti che hanno pubblicato i propri outfit usando l’hashtag “HMxME”.

Altri siti come Asos aggiungono un video della modella che indossa l’abito e cammina, il pantalone, la gonna… e questo offre una visule in più ed un modo fantastico per vedere in modo più realistico, rispetto ad una foto posata, come cade un abito, come veste, il tessuto ecc. Una passerella virtuale!

Instagram: altra risorsa infinita per lo shopping, non solo perché permette di comprare direttamente all’interno dell’app cliccando sul tag del prodotto, ma anche perché andando sul prifilo di un’azienda e cliccando sull’icona dell’omino dentro il tag (“foto con te”) è possibile vedere le foto in cui il brande è stato taggato quindi, spam a parte, migliaia di foto di clienti che hanno acquistato quel prodotto e lo hanno fotografato, un altro modo per vedere un certo abito, delle scarpe o un mobile in situazioni reali. A me è tornato molto utile quando avevo bisogno di avere un’idea più chiara della vestibilità e del tessuto di un certo capo, non puoi toccarlo ma puoi vederli in modo più relistico.

Comprare in sicurezza

Molte persone non comprano on-line perché temono di essere vittime di truffe, se non direttamente da parte del venditore (se acquisti sul sito di un noto brand di abbigliamento o cosmetica sai di poterti fidare), ma che i dati della propria carta di credito possano essere rubati. Ecco qualche consiglio per comprare in sicurezza.

  • Usare una carta dedicata per lo shopping on-line, in cui tenere una cifra minima, da ricaricare eventualmente di volta in volta (aiuta anche a rendersi meglio conto di quanto si spende).
  • Generare una carta virtuale temporanea, molte banche permettono di farlo in pochi minuti, direttamente dall’home banking, funzionano come quelle normali, ma svaniscono una volta effettuato l’acquisto, così non dovrete avere paura di inserire i dati della vostra carta.
  • Non salvare i dati della carta sul computer né sul sito, anche se vi suggerisce di farlo per velocizzare la pratica di acquisto.

Cashback

Alcune banche, app e siti offrono questa funzione che letteralmente significa “rimborso” e si traduce nel fatto che acquistando su certi siti o in certi negozi (quindi anche offline) si ottiene una percentuale di rimborso sottoforma di denaro o di voucher. In Italia il più famoso è Bestshopping, come app ci sono Satispay, che funziona in molti negozi e TiFrutta (per i supermercati), insieme a molte altre naturalmente. Cosa ci guadagnano questi siti? Prima di tutto una percentuale sui vostri acquisti che viene pagata loro dal sito su cui fate shopping (voi ci guadagnate soltanto), dall’altra informazioni sulle vostre abitudini di acquisto, come tutte le app al giorno d’oggi. Naturalmente controllate sempre che il chashback vi convenga rispetto all’acquisto su altri siti.

E adesso una serie di consigli random

  • Non comprare solo per noia;
  • Se vuoi comprare prodotti beauty on-line leggi bene la descrizione del prodotto, copia il nome e la colorazione e incollali su google aggiungendo “swatches” per vedere decine di foto scattate da blogger, youtuber e influencer che fanno recensioni di prodotti. Per individuare invece il prodotto adatto a te sfrutta le guide di siti come Sephora, che per esempio ha una guida alla scelta del mascara suddivisa per obiettivi (volume, lunghezza, curvatura…).
  • Pensa a quello che ti serve o che ti potrebbe tornare utile. Non necessariamente tutto quello che compriamo deve essere fi essenziale importanza, ma dobbiamo potercene fare qualcosa.;
  • Anche lo shopping per sfizio richiede occasioni d’uso e abbinamenti, se non hai com abbinare una gonna rischi di tenerla appesa per mesi o anni, se compri un abito di paillettes rifletti sul fatto che potresti indossarlo molto raramente o solo una volta;
  • Filtra per taglia, colore e usa quanti più filtri possibile per comprare quello che cerchi e non farti distrarre da altro e per ottimizzare i tempi. Soprattutto se sei fedele alla tua palette ;)
  • Non comprare qualcosa solo perché è di tendenza;
  • Controlla sempre le condizioni di reso o rischi di non poter restituire il prodotto e di sprecare denaro;
  • Se un sito spedisce da fuori Europa controlla se calcola già i costi di dogana o se si tratta di una spesa aggiuntiva che scoprirai dopo, potresti non gradire la sopresa. In questi casi può essere utile fare acquisto con uno o più amici per dividere i costi.
  • Leggi la composizione dei tessuti e punta sulla qualità, così ti assicuri che durino nel tempo;
  • Usa la chat di supporto se è disponibile ed hai qualche dubbio, per esempio MyTheresa mette a disposizion un fashion advisor;
  • Se non stai comprando un prodotto in low stock o ad un’asta, prenditi il tuo tempo.

Questi sono alcuni step fondamentali per me quando faccio shopping on-line, sia chiaro non sempre li seguo tutti, ma nella maggior parte dei casi sì e mi hanno aiutata anche a ridurre il numero di cose comprate, prediligendo la qualità, la vestibilità e a capire quando voglio qualcosa davvero. Non è raro che io tenga una finestra aperta sul computer per due, tre giorni prima di decidermi e se al terzo giorno il prodotto è sold out, capisco che non lo volevo davvero e ho frenato l’irruenza dell’acquisto. Altre volte mi soddisfa così tanto la ricerca che la voglia di comprare quell’oggetto passa, forse quasi mi stanca e così risparmio soldi e spazio nell’armadio. E voi avete altri trucchetti o metodi?


Potrebbe interessarti