Viaggi

City Guide: Una crociera tra Abu Dhabi, Dubai e Oman a bordo di MSC Musica

msc_musica_crociera_dubai_abu_dhabi_oman

Crociera. Ho sempre pensato alla crociera come un viaggio che inizia e finisce su una nave, con qualche sporadico episodio a terra che regala giusto la sensazione d’essere stata in un luogo, ma non per davvero. Poi qualche settimana fa mi viene proposta una crociera a bordo della nave MSC Musica con una rotta che parte da Dubai, passa per Abu Dhabi e raggiunge l’affascinante Oman e lo spirito di Carrie Bradshaw, completo di turbante e abito svolazzante, si è impossessato di me, immaginando già le maestose moschee, le cupole dorate che riflettono i raggi del sole e il deserto ardente.

Se dovevo sperimentare l’esperienza della crociera, quale migliore meta del paese delle Mille e una notte? Con una valigia piena di saldali, maglie di chiffon, bikini e occhiali da sole, in pieno Dicembre ho preso un volo Eithad Airways, ho visto due film e mangiato un anticipo di cibi speziati in sei ore di volo che mi hanno portata a Dubai.

msc_musica_crociera_dubai_abu_dhabi_oman_2

Al porto di Dubai mi sono fermata, ho alzato gli occhi ed ho visto dal vivo l’immensità di una nave da crociera che ospita oltre 3 mila passeggeri più un migliaio di membri dell’equipaggio, confesso che un vuoto allo stomaco mi ha suggerito di fare dietro front “soffrirò il mare?” mi sono chiesta, io che su una barca nelle Eolie dopo alcune ore sento l’esigenza di tuffarmi o toccare terra. Pochi minuti ed ero dentro, munita della mia carta passeggero con foto di riconoscimento (dopo sei ore di volo in notturna senza dormire non potevo sperare in un’immagine decente), immersa del sontuoso lusso tipico delle navi da crociera, lontano dal kitsch di Love Boat ma spiccatamente crocieristico, ho raggiunto la mia camera e da lì la prima scoperta al mattino: svegliarsi su una nave che attracca in un porto straniero è un’emozione senza eguali.

dubai_crociera

Seconda scoperta: su una nave di 92409 tonnellate ti senti più sulla terra ferma che a Milano. Anche durante l’unico giorno interamente dedicato alla navigazione, quello che maggiormente mi preoccupava, ho percepito la sensazione di movimento solo guardando l’orizzonte da bordo piscina o correndo sul tapis roulant dalla palestra al tredicesimo piano che affaccia sulla prua della nave. Una sensazione stupefacente che mi ha lasciato addosso una sensazione di libertà assoluta mentre attraversavamo il Golfo Persico.

[Potete vedere alcune delle foto che ho scattato durante il mio viaggio sul mio profilo Instagram @sonia_grispo e seguendo l’hashtag #trendcityguide]

Incastrata fra il verde turchese del cielo e i colori caldi del deserto, mi sono lasciata trasportare da Dubai ad Abu Dhabi non senza prima aver visitato la città grazie ad una delle tantissime escursioni che è possibile prenotare a bordo della nave, con un’attenta guida che spiega usi, costumi e storia di ciò che si scopre. Mi sono persa – letteralmente – fra i grattacieli di Dubai per poi ritrovarmi in uno Starbucks attirata dalla scia del wi-fi, ho camminato con il naso all’insù per ammirare il Burj Khalifa (in tutta la sua maestosità di 829,8 metri e 163 piani), ho fatto shopping nel favoloso Dubai Mall restando incantata nel vedere donne interamente vestite di nero e con il volto coperto da un velo, acquistare abiti e gioielli bellissimi da nascondere sotto strati di tessuto, ma non per questo meno importanti.

crociera_dubai_abu_dhabi_oman

Dagli albergi più alti, gli ascensori più veloci, e gli hotel più lussuosi del mondo, sono tornata a bordo lasciandomi alle spalle gli Emirati Arabi per raggiungere l’incontaminato Oman, con Khor al Fakkan, Khasab e Muscat, tutte da vedere e visitare. Intanto fra le cene, le notti in discoteca, il fascino del ponte illuminato fa mille lucine, il buffet aperto 20 ore su 24 con pizza Napoletana, burger, muffin, torte, piatti tipici arabi e cucina italiana, gli schiuma party e persino il karaoke (ebbene sì), ho scoperto che la crociera è un’esperienza da provare almeno una volta nella vita, specialmente privilegiando un itinerario così vasto che in altri modi difficilmente si potrebbe percorrere e che se lo si fa con un gruppo di amici è ancora meglio.

Info utili:

[foto panoramica di Dubai e foto Burj Al Arab via Shutterstock]


Potrebbe interessarti