App e Tecnologia

5 cose che non sapevi di poter fare con lo smartphone: tatuaggi, scoprire se sei ubriaco, sviluppare vecchi rullini…

5_cose_che_non_sapevi_di_poter_fare_con_lo_smartphone

5_cose_che_non_sapevi_di_poter_fare_con_lo_smartphone

Lo portiamo in borsa, lo ricarichiamo ad ogni angolo possibile anche se irraggiungibile, siamo disposti a scollegare il più indispensabile degli elettrodomestici pur di ricaricare il nostro smartphone, consapevoli che senza di lui saremmo letteralmente disconnessi dal mondo.

Se una volta si ironizzava su quali evoluzioni avrebbe vissuto il nostro telefono dopo l’arrivo della fotocamera, oggi non c’è più da meravigliarsi se un’app promette l’impossibile e mentre nell’app store geniali applicazioni salva-vita si moltiplicano, ecco qui 5 cose che probabilmente non sapevate di poter fare con il vostro smartphone.

1. Fare a meno dello scanner: ci chiedono la scansione del passaporto, di inviare allegata ad un’e-mail la copia di una ricevuta o un documento firmato. In sostituzione all’uso della classica stampante/fotocopiatrice, in alternativa all’antiquato fax, al posto di un salto nella cartoleria sotto casa, si usa lo smartphone come uno scanner. Basta scaricare app come Jotnot o CamScanner, inquadrare il foglio che si deve scansionare (preferibilmente su una base bianca) et voilà, si ottiene una scansione che sembra fatta con una fotocopiatrice, chiara, nitida e da inviare semplicemente con un click del telefono.

2. Tatuaggi: Non immaginate un accessorio che si collega al vostro telefono come una ricarica extra dotata di aghi da tatuatore, ma un’app che permette di trasformare le foto che avete scattato con lo smartphone in tatuaggi temporanei. Si chiama Picattoo, si scarica sul telefono, si effettua il login con il proprio account Instagram o Facebook, si selezionano 12 foto e si ordina la stampa; il costo è di 10,99 € e la spedizione in tutto il mondo è gratis.

3. Scoprire se hai bevuto troppo: Si esce con gli amici, una birra tira l’altra e arrivato il momento di mettersi al volante sorge il dubbio “ho bevuto troppo?”. Non serve utilizzare una di quelle macchinette posizionate nei bagni dei locali, c’è un’app che si collega bluetooth ad un accessorio piccolo come un portachiavi, il kit si chiama BACtrack Vio e costa $49.99.

4. Scoprire che canzone stanno passando alla radio, ma senza aprire Shazam:
Questa è facile, ma per esperienza posso dire che 9 persone su 10 non hanno ancora scoperto questa “novità”: tutti conoscono app come Shazam che ti permettono di scoprire il nome di una canzone semplicemente attivando il microfono mentre la si sta ascoltando, ma quello che spesso accade è che mentre state cercando l’app nella cartella in cui l’avete riposta sul vostro iPhone o state digitando “Shazam” nel motore di ricerca interno per trovarla, la canzone finisce e avete perso l’occasione di scoprire il titolo di quel brano che vi ossessiona da giorni. Uno dei recenti aggiornamenti di iOS rende tutto molto più semplice. Basta tenere premuto il tasto home per avviare Siri e chiederle “che canzone è questa?” ed avere un immediato responso. Se funziona? Sì, la funzione è in collaborazione proprio con Shazam.

5. Sviluppare in digitale una foto scattata su rullino: Ch siate amanti della fotografia analogica o abbiate scovato qualche vecchio rullino della vostra infanzia e desiderate trasferire le foto sul cellulare, il vostro smartphone vi permette di farlo, per esempio utilizzando l’app HELMUT Film Scanner (disponibile per Android) che in pochi step sviluppa in digitale le vostre foto.


Potrebbe interessarti