Instagram Diary

Social Media Week + Fashion Week: il racconto per immagini di questa settimana

sonia_grispo_milano_moda

Una settimana d’assenza, lo so, ma riuscire ad aggiornare il blog durante la Settimana della Moda è già difficile, se a questo si aggiunge la Social Media Week che mi ha fatto sperare di essere morsa da qualche insetto e acquisire il dono dell’ubiquità, diventa imposssibile.

Lunedì 17 sono salita su un treno che mi ha portata a Milano, ormai conosco più o meno tutti i numeri di treno che fanno questa tratta, i posti più comodi ed incontro pure gente conosciuta, ogni tanto. Caricata sù la mia mega valigia, mi sono rilassata davanti ad un buon film sul mio Kindle Fire HD ed ho aspettato di mettere piede nel capoluogo lombardo. Leggi il resto di questo articolo »

Il mio ritratto firmato @theartofdreams, perché Instagram è anche arte

theartofdreams-portrait-illustrations-sonia-grispo

Stamattina che dolce risveglio, su Instagram leggo una notifica e scopro che un giovane illustratore ha realizzato un mio ritratto. La sua bravura nel disegno è straordinaria, magari non mi si riconoscerò a prima vista, magari il mio naso qui è più a maialino che nella realtà (per fortuna direi), ma il suo talento è innegabile, soprattutto vista la giovane età. Trovate il suo profilo come @theartofdreams.

INSTAGRAM DIARY// Il primo tuffo, un libro sotto l’ombrellone e una nuova fragranza

insta diary blogger

Questa settimana si appresta a finire e io intanto mi chiedo “Chi ha rubato Luglio?”, le settimane scorrono e si dimezzano ed il tempo non sembra essere mai sufficiente, mai abbastanza. Attraverso le foto del mio account Instagram mi ritrovo a pensare al primo bagno di questa estate, in piscina, alle colazioni sane ma abbondanti (ho scoperto di adorare il grano soffiato con il latte) e al necessaire da spiaggia – che quest’estate si arricchisce di “Cami”, una maxi bag dal design made in Sicily, realizzata in lino e poly-camouflage del marchio Bakarà, vi consiglio di dare un’occhiata all’intera collezione.

Penso che l’estate è il tempo del colore ed io in questa stagione calda ho scoperto il fascino dell’arancione, nelle sue sfumature più delicate, da indossare in abiti o maglie o come dettagli sulle scarpe. Tempo di colore sì ma anche di nero, al quale non riesco proprio a rinunciare, tanto da essermi convinta a comprare mesi fa anche una camicia a righe, che fa un po’ galeotto un po’ arbitro; e non c’è estate e non c’è ombrellone senza un buon libro da leggere in riva al mare, la mia estate è iniziata leggendo “The Vincent Boys” edito da Mondadori, scritto da Abbi Glines, autrice che con i suoi romanzi hot al punto giusto, sta conquistando il pubblico.

instagram diary blogger

Mi sono resa conto che il giallo, se usato in giuste dosi e nelle tonalità non unicamente di tendenza ma anche e soprattutto adatte al proprio fototipo, si rivela un ottimo alleato dell’estate, che li bikini bag sono fra le invenzioni più intelligenti e che cambiare profumo, pur mantenendo i classici, è una di quelle cose che adoro del mio lavoro, anche se non potrei mai fare il naso di professione. Il mio profumo in questo periodo è Moschino Cheap and Chic ChicPetals.

Instagram Diary// healthy food (e non), temporary tattoo, cocktail e pony tail

istagram diary

Dopo un mese di aerei, treni e viaggi, ho voluto prendermi una pausa e dedicarmi al lavoro in maniera meno frenetica, cercando di depennare dal libro nero delle cose in sospeso, quante più faccende, consegne e impegni presi e, ovviamente, ritagliandomi ampi spazi fra amore e amici. Ripercorro questi 7 giorni attraverso alcuni scatti di Instagram.

Al ritorno dal week-end a Rimini mi sono concessa un’ottima cena in un ristorante di Roma che sto iniziando ad amare (ve ne parlerò presto nella mia City Guide) e qualche dolce in giro per la città (ho scoperto questi cuoricini zuccherato con dentro la cema bianca, deliziosi… ho rimediato con un po’ di healthy food che non fa mai male (appunto), sono tornata bambina con i tatuaggi temporanei (questi ultimi li ho comprati da H&M, un set contiene svariati soggetti e costa 2,95 euro), ho scoperto il Montenegro Ginger un cocktail che adoro (anche di questo vi parlerò a breve) che piace tanto anche alle amiche e ho riscoperto il gusto della ponytail, che con l’arrivo del caldo è proprio una necessità. Leggi il resto di questo articolo »

INSTADIARY// il mio Natale in 12 foto, fra ricordi, emozioni, pensieri e nostalgia

E’ arrivato all’improvviso, dopo preparazioni, programmi, menù stilati in famiglia, regali acquistati, tavole imbandite e case addobbate, è arrivato ed  già finito, lasciando un po’ di quella tipica malinconia post natalizia. Perchè il Natale in fondo è un po’ come il giorno del matrimonio, nella versione più sintetica, il principio però è quello: settimane ad organizzare, programmare ed aspettare e poi tutto finisce in meno di 24 ore con la sola differenza che aldilà della celebrazione il matrimonio continua, con qualche speranza per sempre, mentre di Natale ce n’è uno ogni anno. Rimangono le carte regalo delicatamente o frettolosamente strappate, i nastri slegati, i biglietti d’auguri gelosamente conservati, gli avanzi del cibo calcolato sempre in eccesso, le bottiglie di vino portate dagli amici che consuemeremo fino all’Epifania.

Restano le monete sparse in giro per casa e l’eco dei “hai da cambiare? giochiamo a tombola? a chi è che tocca fare le carte?” e gli screzi in amicizia per quella parola che forse hai detto o forse no a chi è “morto” al gioco del cucù o per quel suggerimento che ti sei fatto sfuggire giocando a Tabù. Restano le playlist natalizie su iTunes, le lettere delle amiche che approfittano dell’occasione per aprirti il loro cuore, il sapore dei dolci preparati dalla sorella, i regali da collocare nella stanza, quelli da indossare e quelli che ti hanno toccato l’anima. Restano gli auguri a mezzanotte, i baci sotto il vischio (tanti), gli abbracci sulle punte e le notti trascorse abbracciati sotto le coperte in fibrillazione per il giorno seguente. Resta la nostalgia di tutto questo, ma in fondo basta aspettare un anno per rivivere tutto questo, sempre meglio. Ps: sono stata in vacanza per 10 giorni, scusate l’assenza e gli auguri in ritardo, ma ogni tanto una pausa ci vuole. Buon Natale. Leggi il resto di questo articolo »

About me

Leggi il nuovo numero