Progetti e Collaborazioni

I 2 essenziali Estée Lauder di questa estate: Bronze Goddess e Advanced Night Repair

estee_lauder_Bronze_Goddess_and_Advanced_Night_Repair

Dal parrucchiere, sotto l’ombrellone, in sala d’attesa dal dentista leggiamo riviste che ci dicono cosa non deve assolutamente mancare nel nostro armadio, nelle nostre borse, persino nella nostra vita; sui blog troviamo spesso alternative basate sull’esperienza personale di chi quegli armadi e quelle borse le riempie di prodotti testati, scoperti, scovati e poi amati con grande fedeltà, quel tipo di fedeltà che lega una donna ai suoi prodotti preferiti.

Io vi parlerò di uno di quei prodotti che quest’estate porto in borsa con me, anche quando rinuncio al make-ip, che grazie all’abbronzatura diventa in alcuni casi superfluo: Estée Lauder Bronze Goddess, una terra in polvere che porto con me in questi giorni di vacanze per il suo formato maneggevole, il pennello soffice incluso nell’astuccio e la texture che la rende facile da applicare, evitando antiestetiche macchie sul viso e il complesso sebo-regolante evita che la pelle diventi lucida, cosa che accade spesso in estate, anche a chi generalmente non soffre di questo problema. Leggi il resto di questo articolo »

VIDEO: Cape Town, le spiagge, il surf e l’abbronzatura con Piz Buin Instant Glow

Svegliarsi quando fuori è ancora buio, camminare fino alla cima di una montagna e fare yoga fra le nuvole, correre in pianura per saltare nel vuoto e sperimentare per la prima volta l’emozione del parapendio, planare su un prato verde, mangiare frutta fresca e poi tuffarsi in acqua con i pinguini, ma solo dopo un po’ di surf fra le onde (e gli squali). La riassumo così nella mia mente l’esperienza a Cape Town con il team di Piz Buin, di cui potete scoprire di più nel video qui sopra.

A tenermi compagnia durante la mia vacanza di Sudafrica (esalvarmi dal pallore post inverno) è stato Piz Buin Instant Glow, uno spray leggermente colorato (che non contiene auto-abbronzante) con protezione solare, che in un solo gesto protegge la pelle e le dona già colore, come abbronzata da sole. Leggi il resto di questo articolo »

I cuccioli e il goco: i consigli di Purina ProPlan per giocare e imparare (noi e lui)

cucciolo_che_gioca

Quando ho portato Camilla a casa la prima volta era impaurita, diffidava di tutti ed ogni rumore la spaventava, è stato attraverso il gioco che sono riuscita a tranquillizzarla, ad educarla al rapporto con gli altri, che fossero umani o suoi simili.

Quando si accoglie un cucciolo nella propria vita è importante sapere che il modo migliore perché lui impari qualcosa è attraveso il divertimento, così giocare diventa un momento di svago ma anche di apprendimento. Per i cuccioli giocare è una necessità, un modo per relazionarsi e sviluppare le proprie abilità; ma non basta dargli un peluche o un gioco da sgranocchiare, bisogna supervisionare il gioco, che sia solo o con altri cuccioli, renderlo un momento di divertimento ma anche apprendimento e prestare maggiore attenzione se il gioco coinvolge cani adulti (che possono essere spazientiti dall’atteggiamento frenetico e invadente dei cuccioli, meno abituati a giocare in compagnia).

È importante anche utilizzare giochi che non mettano il cane in pericolo e stabilire un rapporto chiaro in cui, se noi decidiamo che il momento di giocare è finito, il cane assecondi la nostra richiesta e smetta di giocare, così da avere sempre chiaro. Purina ProPlan ha creato ad un video tutorial che spiega in pochi step quali sono le cose più importanti di cui tenere conto e come impostare i ritmi di gioco, lo potete vedere QUI. Leggi il resto di questo articolo »

Un workshop, le shopping bag di Spray Magazine, il nuovo Spray Food e una colazione social al Fashion Camp

workshop_spray_magazine_fashion_camp

La colazione è il pasto più importante della giornata, probabilmente perché è il più fotogenico. Si fa per ridere, ma effettivamente la colazione negli ultimi tre anni ha rappresentato la rivoluzione del food sui social network. Protagonista assoluta su Instagram, chi segue Valentina e il suo Life and the City non può non conoscere #lecolazionidivale, un hashtag che racchiude il concetto di colazione, condivisione (in tutti i sensi) e fotografia. Ed è su questo che abbiamo voluto basare la colazione social che abbiamo organizzato sabato 13 Giugno a Milano al Fashion Camp.

Si fa colazione insieme, si scoprono modi easy e hand-made per confezionare e regalare biscotti, si chiacchiera, si sfoglia il nuovo numero di Spray Magazine e quello di Spray Food, si scartano i regali esclusivi di alcuni dei brand più chic di Intertrade Group e si fotografa con lo smartphone fra app, consigli, suggerimenti e trucchi per scatti se non d’autore sicuramente che stuzzicano il palato.

Insieme a noi dei partner speciali che abbiamo selezionato per l’occasione: Seletti per il perfetto set da colazione, BABA perché se si parla di rituali quotidiani come non pensare a questi succhi? La Pasqualina perché la colazione è dolce e meglio ancora artigianale e Zuegg, con i suoi mirtilli neri ricchi di vitamina C e antiossidanti (perché ti pare che una mangia bene e non si prende anche cura di se stessa?). Leggi il resto di questo articolo »

Cani e veterinario: strategie dei quattro zampe, aneddoti e i tips di Purina Pro Plan

purina_pro_plan_veterinario

Prendi il guinzaglio, lui comincia a girare in tondo, è felice, pare che sorrida mentre scodinzola urtando qualsiasi oggetto nell’arco di 100 metri e tu ti senti proprio una fetente a non confessare subito che la destinazione non è il Parco, ma il veterinario.

Camilla, per esempio, non è uno di quei cani che si nascondono sotto il letto o si aggrappano con le unghie allo stipite della porta, chiarendo il concetto “io-da-qui-non-mi-schiodo”, piuttosto appartiene alla categoria di chi finge indifferenza. Individuata la destinazione, si irrigidisce, entra impettita e fiera in sala d’attesa e se la perdi di vista è un attimo che inaugura il pavimento fresco di pulito con una pipì a mo’ di sfreggio. Sia chiaro, non è un cane che fa di questi capricci in casa o ovunque lo si porta, è un servizio riservato al veterinario. Probabilmente per chiarire il concetto “io-qui-non-ci-vengo-spontaneamente”. Leggi il resto di questo articolo »

Leggi il nuovo numero