News

Greenpeace contro Zara e altri brand: stop a sostanze tossiche nei vostri abiti!

Qualche giorno fa Greenpeace ha fatto esplodere un vero e proprio caso portando alla luce i risultati di una ricerca contenuta nel rapporto internazionale “Toxic Threads – The Fashion Big Stitch Up”, che ha rilevato una massiccia presenza di sostanze chimiche pericolose per l’uomo e l’ambiente contenuta negli abiti e prodotti di marchi come Zara, Benetton, Armani, Jack & Jones, Victoria’s Secret, Vero Moda, Gap, H&M, Levi’s, Mango, Marks & Spencer, Calvin Klein, Tommy Hilfiger e molti altri.

La notizia ha presto fatto il giro del mondo e in circa 315 mila persone hanno protestato sui social network e per le strade, ribellandosi ai brand da cui sono sentiti traditi. Fra i tanto marchi al momento solo Zara si è resa disponibile a collaborare affinchè vengano effettte rilevazioni della qualità di queste sostanze tossiche, tra i quali coloranti azoici che liberano ammine cancerogene. Speriamo che tutte le aziende si attivino in questo senso.

[via]

 

commenti

Potrebbe interessarti

1 Comment

  • Reply
    Andushka
    1 dicembre 2012 at 00:04

    E ma amori miei, finché li producono in Cina e India, altro che sostanze tossiche. Volete spendere poco? la differenza la si paga in salute, in comode rate.

  • Lascia un Commento